Hanno collaborato a questo sito:
B:K Officina editoriale

Realizzazione sito e testi

Bianca Puleo

Fotografie

Mail

Diederik Pierani

Illustrazioni

InstagramPortfolioMail

Dai dati appena pubblicati dal Board of Agriculture svedese (disponibili al link in lingua svedese e inglese) emerge che la superficie agricola biologica è aumentata del 58% in Svezia negli ultimi dieci anni. "Si tratta di uno sviluppo positivo perché attualmente c’è una forte domanda da...

Nessun brevetto per i prodotti biologici, Può sembrare una cosa scontata - "naturale" - ma c'è voluta l'intervento del Parlamento Europeo, che ha approvato in data 20 settembre 2019 una delibera sul tema, per sancire questo assunto e mettere fine a una diatriba che aveva...

È stato pubblicato dall'European Food Safe Authority il rapporto annuale sui residui dei pesticidi negli alimenti. Si tratta di uno studio -  effettuato mediante l'analisi di circa 88.000 campioni raccolti dai 28 Stati membri dell'UE (ai quali si aggiungono anche Islanda e Norvegia) - che monitora le quantità misurabili di principi attivi (ovvero sostanze chimiche usate per proteggere le piante da malattie e organismi nocivi) e loro metaboliti o prodotti di degradazione che possono trovarsi sui raccolti o negli alimenti di origine animale. Il dato che risulta dall'analisi, relativa all'anno 2018, è generalmente buono. Se guardiamo all'Europa nel suo complesso il 95,2 della frutta e il 95,8 degli ortaggi commercializzati è risultato privo di residui di pesticidi o con tracce contenute nei limiti di legge. [caption id="attachment_584" align="aligncenter" width="1024"]grafico dal rapporto Efsa sui residui di pesticidi negli ortaggi Grafico che mostra i risultati delle analisi sui residui di pesticidi negli ortaggi (fonte EFSA)[/caption]   [caption id="attachment_585" align="aligncenter" width="1024"]grafico dal rapporto Efsa sui residui di pesticidi nella frutta Grafico che mostra i risultati delle analisi sui residui di pesticidi nella frutta (fonte EFSA)[/caption]

Una ricerca dell'Università di Berkeley ha evidenziato come una dieta biologica sia associata a una significativa riduzione, fino al 95%, dell'escrezione urinaria di diversi metaboliti di  erbicidi e insetticidi, come organofosfati e piretroidi; da valutare l'esposizione alimentare ai neonicotinoidi, la classe di insetticidi più utilizzata...

Il 27 febbraio è stata approvata alla Camera dei Deputati la mozione - promossa da Rossella Muroni (Liberi e uguali) e Serse Soverini (Gruppo Misto) e firmata anche da Federico Fornaro (capogruppo LeU alla Camera), Giuseppina Occhionero (Leu), Federico Conte ( Articolo 21 – Movimento...

Il biologico potrebbe nutrire l’intera Europa. A sostenerlo è la nuova ricerca del think tank indipendente IDDRI (Institut du Développement Durable et des Relations Internationales) che sottolinea che se l’Europa passasse interamente ad approcci basati sull’agroecologia, che prevede rispetto e salvaguardia dell’ambiente, come l’agricoltura...